Test gittata DMAC 70m

test gittata

Questo è uno dei primi video realizzati durante lo sviluppo e la progettazione delle teste pistone e delle teste cilindro.

Il video fu girato all’interno di in un capannone di circa 90 mt di lunghezza non del tutto al chiuso, in quanto vi erano grandi aperture trovandoci quindi in presenza di correnti, rendendo la prova un vero test in condizioni reali di utilizzo.

La prova voleva dimostrare la gittata massima raggiungibile mediante l’utilizzo di geometrie appositamente studiate e sviluppate a tale scopo, e una particolare attenzione a tutto l’assemblaggio della ASG.

Il primo prodotto ideato è stato la Testa Cilindro, l’idea ci venne banalmente guardando una gara di formula 1 dove nel pre-gara si parlava di innovazioni delle ali anteriori che portavano un leggero,miglioramento al carico anteriore.

Ci domandammo perchè, viste le componenti delle asg rimaste aggrappate a concezioni degli anni ’90 timidamente migliorate nel corso degli anni, i costruttori fino ad allora avevano sempre messo in secondo piano il gruppo aria e come mai analizzando il funzionamento di una replica elettrica, in fase di erogazione dell’aria nessuna idea fu mai elaborata e messa in pratica.

Partendo quindi da questa stupida domanda cominciammo a studiare un metodo per indirizzare i flussi dell’aria dandogli una direzione ben precisa, ci serviva tuttavia una base su cui iniziare lo sviluppo pratico accantonando le semplici teorie, iniziammo quindi a lavorare sulle teste cilindro G&G in ottone, per passare successivamente alle 5ku in alluminio ben più leggere.

Come si vede nella foto sopra (lavorata manualmente) venne ricreata una svasatura, al posto della classica superficie piatta e successivamente vennero realizzate delle fresature il cui scopo sarebbe stato quello di indirizzare l’aria verso il foro di uscita evitando così la creazione di vortici d’aria, quesi ultimi inevitabilmente creati comprimendo una certa quantità d’aria con il passaggio repentino da una sezione maggiore (la camera del cilindro) ad una sezione inferiore (l’ugello della testa cilindro).

Durante i primi test, sin da subito ci rendemmo conto che il comportamento del pallino e la traiettoria erano più uniformi e stabili, e una potenza al crony più costante rispetto alle geometrie di fabbrica, entusiasti dei primi risultati proseguimmo con lo studio, realizzazione di prototipi e test ottenendo via via risultati sempre migliori.

 

Visti i risultati ottenuti con la testa cilindro abbiamo subito pensato a lavorare sulla parte attiva, la parte che di fatti comprime l’aria nelle fasi iniziali e la convoglia di fatti verso la testa cilindo: la Testa Pistone.

Così come per la testa cilindro il nostro focus era quello di limitare al massimo la creazione di vortici d’aria, che di fatti influenzano l’andamento del pallino, una delle cause della formazioni di vortici d’aria erano i fori antivuoto, presente in quasi la totalità di teste pistone in commercio fino ad all’ora ma non presenti ad esempio sui Tokyo Marui. Non volendo fare un passo indietro nell’evoluzione meccanica delle ASG abbiamo fatto in modo di ridurre fino allo stretto necessario i fori anti-vuoto, (erroneamente si pensa che servano anche ad espandere l’ORing in fase di compressione per avere maggiore tenuta d’aria ma in realtà gli unici oring che possono espandersi grazie all’aria sono quelli cavi), e dare alla testa pistone una forma in grado di concentrare verso il centro il flusso d’aria.

Analizzando attentamente la forma definitiva della testa cilindro ci siamo reso conto come quest’ultima somigliasse al dardo prodotto dalla granata a carica cava, e quindi fu scelto di iniziare lo sviluppo del cono seguendo quella filosofia

,

fino ad ottenere il primissimo prototipo.

Inizialmente era previsto il doppio o-ring, soluzione subito scartata perchè era già in preventivo l’utilizzo di una nuova tipologia di sistema antivuoto, soluzione inedita ed efficiente, eliminando in linea definitiva le turbolenze causate dai fori frontali migliorando ulteriormente l’intero gruppo aria.

 

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *